«Si sta lavorando all’edizione dei testi inediti di san Josemaría»

Dialogo con Luis Cano e Francesc Castells, coautori dell’edizione critico-storica di «En diálogo con el Señor», un libro con testi inediti della predicazione del fondatore dell’Opus Dei.

Notizie
Opus Dei - «Si sta lavorando all’edizione dei testi inediti di san Josemaría»

Dallo scorso 1° settembre è in libreria En diálogo con el Señor (In dialogo con il Signore) un libro con alcuni testi inediti della predicazione del fondatore dell’Opus Dei. È frutto del lavoro di ricerca dell’Istituto Storico San Josemaría Escrivá. Il volume inaugura una serie di analisi intorno alla predicazione orale del fondatore dell’Opus Dei, nella «Collana di opere complete» che questa istituzione ha iniziato nel 2001. Luis Cano e Francesc Castells sono i coautori dell’edizione critico-storica di En diálogo con el Señor. Esaminiamo con loro alcune caratteristiche del nuovo libro.

− Qual è il contenuto e la novità di En diálogo con el Señor?

− Luis Cano (L.C.): Il libro presenta 25 testi, finora inediti, di san Josemaría Escrivá. Sono meditazioni e conversazioni di contenuto spirituale che, negli anni tra il 1954 e il 1975, egli rivolse ad alcune persone dell’Opus Dei che abitavano a Roma. Siamo in presenza della sua preghiera a voce alta. Il fondatore parla con Dio dei temi centrali della spiritualità cristiana e dà alcuni consigli per percorrere il cammino verso la santità nella vita ordinaria. Confida anche alcuni particolari della sua vita e della storia dell’Opus Dei, di grande valore biografico.

− Perché è stato deciso di pubblicare ora questo materiale inedito?

− Francesc Castells (F.C.): Sin dal 2001 l’Istituto Storico lavora alla pubblicazione delle «Opere complete» di san Josemaría Escrivá. Finora lo studio si era concentrato sui libri pubblicati durante la vita del fondatore. Sono stati già pubblicati cinque volumi critico-storici e altri sono in corso di stampa o in una fase molto avanzata. A parte questa linea di ricerca, che è sul punto di essere completata, si presenta ora il frutto di un lungo lavoro su materiale inedito, di cui En diálogo con el Señor è il primo volume. Alla predicazione orale di san Josemaría è dedicata una delle cinque linee di lavoro della «Collana delle opere complete» alla quale stiamo lavorando.

− Esistono, allora, altri testi inediti che si pensa di pubblicare?

− L.C.: Si sta lavorando proprio in vista della pubblicazione di parecchi testi inediti, come le Istruzioni e le Lettere, testi che san Josemaría scrisse per formare gli uomini e le donne dell’Opus Dei nella conoscenza dello spirito e della storia di questa istituzione. Per ciò che riguarda la predicazione orale, esiste, nell’Archivio generale della prelatura, un fondo molto ampio di trascrizioni di meditazioni, omelie e riunioni di famiglia, il cui studio e la cui classificazione è in corso da molti anni e richiede tempo. Lo stesso si può dire di altro materiale manoscritto e dell’epistolario del fondatore, assai vasto, del quale sono stati già pubblicati alcuni estratti nella rivista dell’Istituto, Studia et Documenta.

− Si parla di “testi della predicazione orale” anche nel caso di En diálogo con el Señor. Che cosa intendi dire con questa frase?

− F.C.: Nel caso de En diálogo con el Señor, i testi della predicazione orale sono un materiale di varia provenienza: meditazioni, una omelia e varie tertulie o conversazioni di carattere più familiare. In genere, per testi della predicazione orale intendiamo un adattamento per la comunicazione scritta – e dunque la predisposizione di un testo – di un contenuto che era stato pronunciato ad alta voce, in una esposizione orale, con il linguaggio abituale di quegli anni. Nel caso di questo libro, san Josemaría revisionò le trascrizioni e fece le modifiche che sono sempre necessarie quando si passa da un discorso orale a un testo scritto.

− Sono stati pubblicati 25 testi di date e circostanze diverse. In base a quale criterio è stata fatta questa selezione?

− L.C.: Quasi tutti i testi erano stati riuniti in un volume: prima, per essere presentati alla causa di canonizzazione del fondatore nel 1986 e, poi, in una edizione a stampa a uso dei fedeli dell’Opus Dei, realizzata nel 1995 con il titolo di En diálogo con el Señor, che abbiamo voluto conservare. Hanno la caratteristica di una certa lunghezza e unità, sono stati revisionati e corretti da san Josemaría tra il 1967 e il 1975.

− Di quali fonti documentali vi siete avvalsi per l’edizione critico-storica?

− F.C.: Anzitutto disponiamo delle pagine stampate di due pubblicazioni dirette ai fedeli della Prelatura: Crónica e Noticias, dove questi testi erano stati riprodotti. Il nostro primo lavoro è stato quello di confrontare queste fonti. Inoltre abbiamo consultato le trascrizioni e le registrazioni originali che si conservano e altri documenti di archivio, non tanto come fonti in sé, ma come materiale complementare per sciogliere dubbi o completare dati e capire meglio il contesto di alcuni brani. Di tutto questo informiamo il lettore nelle note di commento.